Younes gela il Napoli sul futuro, ma il club è sicuro dell’accordo

0

I dolori del giovane Younes. Potrebbe intitolarsi così la vicenda dell’attaccante tedesco dell’Ajax che il Napoli dice di aver già acquistato per giugno. Una vicenda che giorno dopo giorno si tinge di colori sempre diversi. Il giallo è legato al mistero – oggi ancora più fitto – della partenza notturna di Younes dopo la sua due giorni napoletana. Visite mediche a Villa Stuart, viaggio a Castel Volturno, presenza al San Paolo per Napoli-Bologna e poi la sparizione. Il giorno in cui avrebbe dovuto essere ufficializzato il suo acquisto da parte del club azzurro, la repentina retromarcia. Un’operazione che sembrava fatta si è rivelata un nulla di fatto. Una fuga dovuta a motivi personali, ha fatto sapere l’entourage del giocatore nelle ore successive alla partenza per la Germania. Poi la scelta di ritornare all’Ajax (nonostante l’accordo trovato con il Napoli sulla base di 4 milioni di euro), la panchina in campionato con la prima squadra, la presenza e il gol lunedì sera con la squadra giovanile. E così sono arrivate anche le parole. «Non so se andrò a Napoli la prossima estate. Non escludo di poter firmare il rinnovo con l’Ajax». E non è tutto. «Adesso voglio consacrarmi come campione in questo club». Dichiarazioni tutt’altro che distensive da parte del giocatore che invece in passato aveva fatto capire di volere Napoli e nient’altro. Prima di decollare per l’Italia per sostenere le visite mediche, infatti, il giovane Younes aveva declinato l’invito da parte dello Swansea. «Perché il Napoli è l’Ajax d’Italia ed è lì che voglio giocare». Insomma, sembrava un amore di quelli belli, di quelli destinati a durare nel tempo. E invece no. Ai microfoni del De Telegraaff ha spiegato che «L’accordo con il Napoli non è andato avanti per motivi personali, sono successe diverse cose, ma non voglio parlarne». Certo, nelle ore successive alle sue parole il suo entourage dalla Germania ha provato a far calmare le acque. «Forse queste dichiarazioni servono a mostrare che è tornato indietro per terminare la stagione con le giuste motivazioni e non semplicemente per arrivare fino a giugno». Insomma, un modo per prendere tempo e provare anche a capire la posizione di un ragazzo che mai come in questo momento sembra particolarmente confuso. Prima giurava amore al Napoli e poi fa retromarcia. Di sicuro è successo qualcosa che ne ha turbato le idee. In Olanda, ad esempio, sono sicuri del fatto che i tanto decantati “motivi familiari” che lo hanno portato a rifiutare l’accordo immediato con il Napoli siano tutte sciocchezze. Una scusa bella e buona trovata per edulcorare una versione che evidentemente ha ben altri contenuti. Contenuti che però dovrebbero essere a conoscenza del Napoli e di De Laurentiis, dal momento che chi conosce bene Younes è sicuro del fatto che prima della partenza per la Germania ha parlato con il presidente del Napoli per spiegargli le sue scelte e la sua posizione. Insomma, il suo repentino volo per la Germania è stato un fulmine a ciel sereno per i tifosi del Napoli, ma non per la società che evidentemente era al corrente della situazione e che continua a far sapere che il contratto con il giocatore è stato già depositato e che avrà valore a partire da luglio. Difficile pensare che le vicende del giovane Younes si risolveranno a strettissimo giro. Il mistero resta fitto. In attesa della prossima puntata. (Bruno Majorano – Il Mattino)